Durer Melancolia

SUB ROSA SOCIETY

FONDAZIONE DI ARTE E FILOSOFIA


Chi siamo
Dove siamo
Manifesto
Nascita di
Sub Rosa

Calendario eventi programmati
Storico eventi passati

Biografie
Opere
Istituti di ricerca
NovitÓ

Laboratorio
Percorsi maieutici consigliati
Collegamenti a luoghi archetipici

Contattaci



in  aenigmate  et  quasi  per  speculum

 

 

 

 

Cuore di specchio


 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesco Sine Pelizzoni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

attraversa il viso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ho l’umore e torbido

mesce tra liquore

strame desco

e pianto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

male

dirmi

male

pirmi

male

farmi

male

harmi

male

grami

male

jafve

male

hami

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

der welt

entreau

berung

 

 

 

sicura stramba

presume ed ancora

   cerca d’isolare periodici

ricorrenti in un lasso di tempo

 

la stessa cosa con l’amore

adesso.

 

 

 

dimora per anfratto

la fessura corrotta

 

forma carne

attorno al cuore

adesso

 

 

beata enciclopedia

nema teoria dei semi

tra tetti sbiechi

dove il papavero...

 

arde pi¨ del sole

alla fine

del giorno

 

 

re sta

il firmamento

di autoritÓ non fiore

 

est ultimum in emissione vite

 

 

 

 

 

 

 

 

 avviva

 

il pendio storna  per preghiere

dorme canto per trafitte ringhiere

la porta apre per altre portiere

la dolcezza come neve

 

avviva

 

la prigione dell’orologio

batte il cuore dell’elogio

pizzica lo sguardo mogio

la grazia del sogno

 

avviva

 

la stellata dell’indomito

sfiora rosa petalo e ito

da vento a spira del mito

a sapienza del nido

 

avviva

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

non guardammo

la bianca stagione

di momenti a singhiozzi

 

stazionammo appena

sia  per stare, sia per amare

 

ad orme passammo

la sabbia e la via

con occhi a terra

 

  tu non conoscesti

fuggendo la strada

in avanti

proibiti sporgemmo

 

e dicon troppo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

mare unico

 

il tema delle ombre

senza luce

 

non udibili

perforano l’abisso

 

laguna d’invisibili

nel riflesso dell’alto

davanti a noi

 

chiamano tenebre

 innesti del buio

nel vivaio delle stelle

 

noi, stridenti di scrittura celeste

 

abbiamo invaso l’archivio

dell’ultimo sogno...

 

Ich schwimme, ich schwimme

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

continuando a stormire

l’itante con ali di colibrý

 

  di entrambe perdo il volo

Ŕ la cicatrice di  corpo

sta foglia morta

sminuzzando  sgemellata  

 

solo corpo e nome

 artico  pergolo nel cielo

in un baleno di ceneri bianche,

e di torbidi sentieri

 

per enigma,

ho pendio

durezza, anima

 

nel cuore di tenebra

nel cuore dello specchio

 

l’intero inverno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ripeti invisibile

su tutto irripetibile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sfioro il velo della Advocata

Signora dagli occhi templari

 

non vedi che sono l’Intero?

 

Mi volto appena

e cado nel calamaio di Hegel

 

universalesingolare!

 

 

(Emilio, 28 07 02)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

del vento

la rena sottile

non vedere

per gli occhi chiusi

non vedere,  sia sempre

sia mai

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

qualche cammino fa

 trovando l’impercettibile

eterno deleto abbandono

 cantaste voi senza pi¨ voce

sillabe sciolte nel grembo

o strette scaglie dal pugno

in assorellate bolle

-pi¨ gorgoglio che semi-parole

 

allora, che nulla parve

traversando la ritta, nera stirpe

non una che fosse

vera, fiorente  nominazione

 

 grave affanno

sia per essere

sia per parlare

 

colmando fessure del muro

di lapilli di scritture

ancora sbandiamo

dall’orbita  alle vostre strade

 

cifrando amore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 niente spande

per strada guance

sotto occhi da prede

 

morire, non ha imparato a morire

e sta

 nel ritrovo della luce

e sfa

 

gaio a vivere

sembra abbia davvero vita

 e schianta carcassa di polvere

 

l’Uomo che sogno

       rinascerÓ...     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

a Mosvar, a ‘Tahis’

a tutte le anime belle del mondo

che  non hanno saputo dominare

la Bellezza dal livore del sangue.


angelo